I VERI EROI!

La storia di Yvan Sagnet, attivista di origine africane e principale sostenitore della lotta contro il caporalato.

Dall’Africa all’Italia per sostenere i diritti dei lavoratori di colore. Yvan Sagnet, originario del Saulala, in Africa, si è trasferito in Italia e precisamente a Torino per continuare un percorso di studi per diventare ingegnere. È diventato il primo attivista della lotta contro il capolarato.

A scuola era molto brillante, ma sbagliò uno degli esami finali perdendo la borsa di studio. Fu così costretto ad andare nel sud, ovvero in Puglia, per accettare il lavoro di raccoglitore di pomodori. Lì la situazione era disperata: le condizioni di lavoro erano durissime, le persone erano costrette a dormire all’aperto a causa della mancanza di tende. La dignità dei lavoratori veniva calpestata ogni giorno. E fu cosi che Yvan scoprì il lato marcio dell’Italia. Lui lavorava 12h al giorno per poche decine di euro. E se riempiva un cassone di 300 kg di pomodori veniva pagato € 3,50. Ogni giorno inoltre doveva pagare €10 per il trasporto, il panino e l’acqua. Dopo 5 giorni di lavoro, Yvan si stufò perché gli chiesero di raccogliere i pomodori uno alla volta. Però così guadagnava di meno e quindi, assieme ad altre 40 persone, decise di protestare, smettendo di lavorare.

Un giorno un suo collega lo minacciò dicendogli che se non fosse ritornato a Torino l’avrebbe ucciso. Inoltre iniziarono a girare voci sul fatto che stesse tramando alle spalle degli altri. La situazione continuò a peggiorare fino a quando una sera, due braccianti lo minacciarono con un coltello. A salvarlo furono i carabinieri, che intervennero e gli dissero di lasciar perdere questa battaglia. Quindi fu costretto a ritornare a Torino. Solo dopo tanto tempo, gli stessi che lo avevano minacciato, insieme a Yvan e agli altri raccoglitori, iniziarono la protesta e rivendicarono i propri diritti. Lo sciopero fu vinto e Yvan fu premiato dal Presidente della Repubblica.

A cura di Giovanni Puzzi e Francesco Paolo Gentile.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close